Pagina:Beccaria - Dei delitti e delle pene, 1780.djvu/200

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
166 Dei Delitti

nascono dalla tumultuosa impressione di alcuni fatti particolari, non dalla ragionata meditazione degl’inconvenienti ed avvantaggi di un decreto universale. Falsa idea di utilità è quella, che vorrebbe dare a una moltitudine di esseri sensibili la simmetria e l’ordine che soffre la materia bruta e inanimata; che trascura i motivi presenti, che soli con costanza e con forza agiscono sulla moltitudine, per dar forza ai lontani, de’ quali brevissima e debole è l’impressione, se una forza d’immaginazione, non ordinaria nella umanità, non supplisce coll’ingrandimento alla lontananza dell’oggetto. Finalmente è falsa idea di utilità quella, che sacrificando la cosa al nome, divide il ben pubblico dal ben di tutti i particolari.

Vi è questa differenza dallo stato di società allo stato di natura, che l’uomo selvaggio non fa danno altrui, che quanto basta per far bene a se stesso; ma l’uomo sociabile è qualche volta mosso dalle male leggi a offender altri