Pagina:Beccaria - Dei delitti e delle pene, 1780.djvu/96

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
62 Dei Delitti

mascherato dispotismo, l’altro dalla turbolenta popolare anarchia.

Vi sono alcuni delitti, che sono nel medesimo tempo frequenti nella società, e difficili a provarsi; e in questi la difficoltà della prova tien luogo della probabilità della innocenza, ed il danno della impunità essendo tanto meno valutabile, quanto la frequenza di questi delitti dipende da principj diversi dal pericolo dell’impunità, il tempo dell’esame e il tempo della prescrizione devono diminuirsi egualmente. Eppure gli adulterj, la greca libidine, che sono delitti di difficile prova, sono quelli che, secondo i principj ricevuti, ammettono le tiranniche presunzioni, le quasi prove, le semiprove (quasi che un uomo potesse essere seminnocente, o semireo, cioè semipumbile, e semiassolvibile), dove la tortura esercita il crudele suo impero nella persona dell’accusato, nei testimonj, e per fino in tutta la famiglia di un infelice, come con iniqua freddezza