Pagina:Benedetto Giovanelli - Trento città d'Italia per origine, per lingua, e per costumi, 1850.djvu/26

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
24

di; ma ciò è piuttosto effetto della ristrettezza del suolo atto a cultura, e della sterilità di quest’Alpi, che nulla producono al sostentamento, se non irrigate dal sudor dell’agricoltore.

Ben a ragione dunque secondo il fin qui detto anche la maggior parte de’ Geografi sempre all’Italia annoverò la Città di Trento col suo Circondario, e ben divulgata ancor nel secolo decimosesto convien, che fosse questa saggia opinione, poichè il Pontefice Paolo Terzo fermo di non voler congregare il Concilio in Germania propose nel 1541 a Cesare per tal oggetto la Città di Trento, segno, che per Italiana pure a quel tempo la riconosceva; e se in tanto meriggio de’ riferiti incontrastabili fatti non riuscisse omai superfluo il debil lume delle congetture, diremmo ancora, che per Italiana la caratterizza la per molti secoli sussistita dipendenza del suo Vescovo da un Metropolita Italiano, cioè da quello di Aquileja, convenendo i dotti, che l’estensione antica delle Diocesi, e di altre ecclesiastiche giurisdizioni corrisponde nella massima parte a quella degli antichi territorj; ma il fin qui detto basti per prova del nostro assunto.

Non merita poi alcun conto, chi Trento per Città del Tirolo, ed il suo Territorio per parte di quello riguardar voleva, poichè ad ognuno noto, come nuovo, in