Pagina:Bernardino da Siena - Novellette ed esempi morali, Carabba, 1916.djvu/151

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

esempi e detti morali 139

quanto tu se’ un asino. Oh pazzia! O tu de la pèsca, che dici: “Nol la mondare né a questo modo né a quell’altro, né anco la pera!” Chi la monda a merli, chi a bisce, dicendo che quello tagliare è in dispetto d’una de le parti: e quando quello de la parte contraria vede che è mondata a suo contradio, se è guelfo, egli vede tagliare cosí la buccica, e poi dice: “Io ho tagliata la biscia.” Uno capo d’aglio, in luogo so’ stato, che chi l’avesse tagliato cosí a traverso, vi sarebbe stato tagliato a pezzi. O pazzarone! El pane, el vino e le frutta de la terra io so pure che non so’ né guelfe né ghibelline! Se tu vuoi dire che sia le parti in quello aglio o in quella pera, perché non fai anco che tu faccia guelfo e ghibellino il pane e ’l vino, acciò che tu fussi contrario, tu nol mangiasse e nol beiesse? Per certo, se io potessi, poi che tu fai guelfo o ghibellino l’aglio e la pera e la pèsca, tu faresti anco il pane e ’l vino, acciò che tu morisse poi di fame. O quanta pazzia dimostrate, pazziconi!


CONTRO L’AVARIZIA E L’USURA


I.


O tu che araguni, e mai non ti vedi sazio, deh, atacati a Davit, el quale volse cercare d’andare a trovare el paradiso, come Dante s’atacò a Vergilio per volere vedere l’inferno. O tu che dormi impara stamane e sta’ desto acciò che tu non ca-