Pagina:Bertini - Le dimore estive dell'appennino toscano, Niccolai, Firenze, 1896.djvu/145

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Stia 448 m.

«Il paese di Stia, chiuso com’è quasi per ogni parte da poggi,non apparisce allo sguardo che quando gli siamo tanto vicini da poterne osservare distintamente i fabbricati e i numerosi edifizi industriali, che sono lustro e ricchezza di questa prospera terra.

«Alla base meridionale della Falterona dove ha principio la valle casentinese, presso la confluenza dell’Arno e del torrente Staggia, e quasi in mezzo alle antiche ròcche di Roména, Porciano, Castel Castagnaio, Palagio e Urbech, giace la terra di Stia, anticamente chiamata Palagio Fiorentino.

«Modernamente il paese, ornato di comode e regolari abitazioni con portici, presenta un aspetto lieto e ridente, e vaga e salubre ne è la situazione, trovandosi tutto circondato da amene e ben coltivate colline, e da vaste selve di castagni e di querci, a cui sovrasta