Pagina:Bettinelli - Opere edite e inedite, Tomo 11, 1800.djvu/218

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
214 Orazione

Avanzi Simone; e Giacomo maestro di Lippo Dalmasio, onde venne la scuola de’ Francia, e il secolo d’oro dell’arti per loro fu aperto in Lombardia. Sì, modenesi miei cari, voi concorreste all’aurora, ed al nascimento di quel secol beato. Imperciocchè a considerare i lavori del Serafino, e pei di Cristofaro, voi ci riconoscete quel primo germe dell’arti la miniatura1, il cui talento felice di ricopiare dal naturale e fiori, ed erbe, ed alberi, ed animali guida per mano l’artefice ad imitar poco a poco anche oggetti più grandi dalla natura, e giugne poi con Michelangelo, e Rafaello a disegnare dal corpo umano, o dalle statue antiche le forme perfette, e sublimi.

Ne men giovaste co’ bei lavori de’ vostri


ore-

  1. Celebri libri miniati in Roma, ed altrove da più chiari pittori (Benedetto IX. chiamovvi Franco bolognese perciò) al 1300, e 1400, che aveva davanti gli uccelli, gl’insetti, e tutti i più facili corpi a tenersi, e copiar dsl vero. Biblia per Borso anno 1455. da due mantovani nella b iblioteca ducale.