Pagina:Bettinelli - Opere edite e inedite, Tomo 4, 1799.djvu/120

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
116 Trasfusi.

già non può sperarsi di mutar corso alie cose; e i pregiudizi, e le viziose passioni domineranno, sinché v? avrà genere umano,.

Ma sarà vero altresì, che le opere a tale impronto coniate, e dall’ entusiasmo, dal grande, dal bello, dal passionato animate vivranno, e dai posteri riceveranno un premio tanto maggiore, quanta fu la sconoscenza de’contemporanei.

Che se ricompensa sì tarda non può consolare un cuor dilicato, ed onesto delle presenti sventure; ciò pruova infine, che tutte Je umane cose son nulla ( i ). Ma se pur fossero qualche cosa, soffrano, dirò loro, i chiari ingegni e benemeriti, a’quali scrivo, e fanno la gloria dell’ età nostra, soffrano come un retaggio di loro condizione, che un ardito scrittore, un insulso poeta abbiano fama, e ristampe, ehe riempia le chiese un jner-.

( i ) Possono i geni più grandi applicarsi a conforto sovente o a disinganno Ntc quid quarti tibi prodest Aerias tentasse domos, animoque profundum Percurrisse polum morituro. Hor. 1.1. Ode ¿8,