Pagina:Bettinelli - Opere edite e inedite, Tomo 4, 1799.djvu/212

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
208 Governi.

arti. I Visconti, e gli Sforza vinsero in ma.

gnificenza, ed in eleganza tutt’ i monarchi, % fioriron per loro maravigliosamente le lettere, e le arti. V’ ha serie di que’ pittori eccellenti, architetti famosi, scultori d’ ogni gran pregio; e 1’ accademia guidata da Leonardo da Vinci è celebre assai. Gl’ intagliatori di pietre dure formarono scuole, che sparsero l’opere, ed i discepoli in tutta Europa. Le macchine dell’ idrostatica più stupende sino d’allora, i ponti, i canali, i sostegni dimostrano quali ingegneri vi fossed| e il solo duomo è una ognor permanente accademia di quattro secoli d’ architettura, pittura, e scoltura, che centinaia di belle statue antiche, e moderne ne mostra. Cremona stessa ebbe i Campi, il Gatti, il MaJossi; Parma i Mazzola; Modena lo Schidone,l per tutto muratori, capimastri, imbiancatori ec., e rutti formano corpi uniti, vanno e vengono, han leggi propri-, ^ ^uasi repubbliche. Si sa, che ugni Iago è fecondo d’industria, ma tanta, e tale di nessun altrp si riconosce,