Pagina:Bettinelli - Opere edite e inedite, Tomo 4, 1799.djvu/214

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
210 Classi.

più la riceverà, quando I*una sia dall’altra dissomigliante.

Altri è grande e terribile, altri amabile e delicato. Tra quelli Omero, Milton, Dante, Cornelio, e per ordinario tutti i primi, e più antichi: tra questi Virgilio, Petrarca, Tasso, Pope, Racine. F.’ singoiar co-, sa da osservar nel Petrarca, e in tanta sitai poesia di trenta e più anni passionalissima, appena che trovisi un tratto torte da Michelangelo. Eppur tanto è sublime, fa piagnere, e bea, ma non iscuote, o spaventa, imbalsama il cuore d’ affetto, e di dolore soave, ma non inebbria» Questo può dirsi entusiasmo di secondo ordine, più tranquillo, più ascoso, che suo^ le unirsi al buon gusto, ed è frutto in parte di coltura, e di tempo, è perfezionato da studio, o tende almen d’ ogni parte alla perfezione. Non è, come il primo, o di primo ordine una fiamma libera, e impetuosa, ma un fuoco diffuso, e temperato: è il calore eguale del sangue nella sanità per tutto il corpo; 1’ altro è quel della febbre, che sale spesso alh testa, urta, ribolle, è ine.