Pagina:Bettinelli - Opere edite e inedite, Tomo 4, 1799.djvu/240

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
236 Classi.


se mai riposare ancor esso, e fosse per ogni età sempre nel suo vigore; privilegio in va’ ro di pochi, pochissimi essendo che non in» vecchino nella vivezza, e grazia poetica, come negli anni, e il più spesso vedendosi quelli che troppo cantando muojon bensì come i cigni, ma lasciano come i cigni piv dJ inutile penna, che di vero merito dopo* loro. I p^Pti medesimi pur talvolta condannano questa insaziabilità, ma non se na» correggono; com’ è loro uso di spesso pe tirsi e non guarir mai ( i ).

C est là l’cff’et fatai d’un ascendavi bizarr ~En cela le poete est semblable à i’ avare Envain /’ un nous promet d’abbondane, Pkoebus, Ut l’autre jure envain qu’il ri* amassero plus < R I( l ) Epitre cu Mar quis de Termes. Afe.moire s de Salient e.