Pagina:Bettinelli - Opere edite e inedite, Tomo 4, 1799.djvu/274

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
270 Note.

zioni de’ Pollioni, de’ Vari, de’ hit cenati, et al ragionarsi di quella continuo in Rom.., come in Cadici si parla del cambio marittimo, di teatro ia Parigi, 0 di politica in Londra * NOTA VI. I veri genj non sou nimici, che unzi essendo divisi per solo accidente, ed occasione, ma riuniti, e congiunti pel segreto lor vincolo dell’ entusiasmo, amansi, e pregiansi, e passan talora dall’uno nell’ ajtro terreno, come popoli confinanti, e pacifici, abbracciandosi insieme 1’ arti, e la filosofia, le lettere, e le matematiche, come in Manfredi, Z¿motti, Fontenelle, 1’ abate Conti i Lei ¿»tizio, Maßei, parendo ciascuno di molte nazioni, e consultandosi insieme, che è più raro, il pittor col poeta, e col letterato non solamente, come Giotto con, Dante, Raffaello col Castiglione, e col Bern- « ¿»j Palladio col Trissino, ma il geometra.,!

col poeta, che è rarissimo, come potrei ci- ■ tarne più d’un esempio anche a’ dì nostri di Parigi, di Padova, di Bologna. Per mia spe-, rienza ne parlo qui appresso.

Intanto dirò quanto all’Unione dell’arti co1.