Pagina:Bettinelli - Opere edite e inedite, Tomo 4, 1799.djvu/275

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Note. 271


cosi opportuna al tempo presente, e alia letteratura moderna d’Europa. Sembra avverato oggi più che mai esser l’immaginazione non so! primo strumento dell’arti, ma farsi ancor volentieri amica o ministra delle scienze. Gli storici e gli oratori e i poeti dall’ altro lato assaporano più che mai le dottrine filosofiche, e ne aspergono i versi in abbondanza. Dunque non dee far più maraviglia l’alleanza tra gli uni e gli altri, come già Io mostriamo a proposito di Platone e d’ Omero in altro luogo. Ma la filosofia di Plutone, diranno altri, non è poi che una poesia pur essa, ed e ben altra quella de’ moderni composta di tanta geometria, di tante matematiche, e più severe discipline, ond’ è oggi estrema la distanza o più tosto contrarietà di queste cogli ameni stud; delle lettere belle. Ai che rispondo esser oggi appunto perciò più manifesta (a congiunzione e concordia di questi rivali, poiché i fisici, i metafisici, i naturalisti, e sino i matematici scrivono con calore, con figure, con immagini e affetti sparsi entro le idee più astratte, e più semplici a prima vista.. Ognun cerca