Pagina:Bisi Albini - Donnina forte, Milano, Carrara, 1879.djvu/22

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 20 —


cugino, e lo trovai ancora più annoiato: si vedeva che gli seccava quel pranzo di famiglia. Si sdraiò in una poltrona con una gamba a cavalcioni dell’altra e prese un giornale.

La zia non mi aveva salutato: si sedette anche lei e mi disse con un’aria solenne:

— «Scusami, cara; ma nella tua casa regna un disordine scandaloso. Tu hai bisogno....

— «Di un’istitutrice di polso?»

— «No, no: l’istitutrice di polso finisce a diventar lei la padrona. No: volevo dire di un po’di sommissione. Lasciati guidare da chi ne sa, cara Conny: da chi, come tua zia, ha una casa che é l’ammirazione di tutti!»

— «Siamo stati cinque minuti sul pianerottolo ad aspettare che il servitore salisse ad aprirci.» Si degnò di dire mio cugino.

— «Ah, sicuro: Giacomo l’avevo mandato via.»

— «Tu!» esclamò la zia «Ma sapevi bene che noi si doveva venire!»

— «La Conny ama le originalità,» disse Gian Carlo, o Carletto, com’io mi ostino a chiamarlo. «I servitori stanno in anticamera di solito; dunque il suo deve star sulle scale.»

Io risi.

— «Tu ridi sempre:» disse la zia «è una cosa che finisce ad irritare, sai?»

— «Oh, mi scusi: non riderò più.» E risi ancora. In quella entrò mia cugina con suo marito, il conte Filippo ** che rideva col suo vocione grosso.