Pagina:Bisi Albini - Donnina forte, Milano, Carrara, 1879.djvu/23

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 21 —


— «Conny, come stai?» mi disse l’Elisa abbracciandomi. «Lasciami ridere: ah, ah! dopo ti conterò!»

— «Il servitore vi ha lasciato sulle scale dieci minuti?» dimandò Carletto.

— «Ed è salito quattro scalini alla volta ad aprirvi l’uscio?» aggiunsi io.

— «No, no:» disse Filippo, il cui largo viso era ridiventato serio.

Io gli sporsi tutte e due le mani come faccio sempre, e gli dissi: «Mi racconti che cosa è stato?»

— «C’è stato, cara figliola, che sull’uscio del portinaio c’era seminato un’infinità di mele e che quattro o cinque bambini, erano là in terra come tanti gattini, e facevano a chi ne raccoglieva di più. Ma quando la portinaia ci vide, accorse colla scopa a scopar via, in tutta furia, mele e bambini!»

— «Ma dovresti dirle di tener i figlioli di sopra!» interruppe la zia.

— «In quel bugigattolo?!.. Di solito sono all’Asilo; ma oggi è la vigilia di Natale e l’hanno diritto di far un po’di chiasso anche loro.»

— «E di seminar le mele?»

— «È stato Giacomo; che, nella furia di salire ad aprirvi, le ha buttate là...»

Ma entrò il babbo e tirai un sospirone.