Pagina:Boccaccio - Amorosa visione, Magheri, 1833.djvu/127

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CAPITOLO XXVIII. 115

Ivi parea che Dido ad Enea pria
     50Parlasse molte parole amorose,
     Dopo le quali suo disio scovria,
Ove Enea ad ascoltar quelle cose
     Vedeasi, lei abbracciata tenere,
     E quel piacer fornir ch’ella propose.
55Venuti poi a lor reale ostiere,
     E in tal gioia lungo tempo stati,
     L’uno adempiendo dell’altro il piacere;
In quel luogo medesimo cambiati
     Vi si vedeva dell’uno i sembianti,
     60E dell’altro i voleri esser mutati.
Molto affrettando li suoi naviganti
     Enea vi si vedea per mar fuggire,
     Le vele date a’ venti soffïanti:
A cui Dido parea di dietro dire:
     65Oimè, Enea, or che t’aveva io fatto,
     Che fuggendo disii il mio morire?
Non è questo servar tra noi quel patto
     Che tu mi promettesti; or m’è palese
     L’inganno c’hai coperto con falso atto.
70Deh, non fuggir, se l’essermi cortese
     Forse non vogli, vincati pietate
     Almen de’ tuoi; che vedi quante offese
Ognora ti minaccian le salate
     Onde del mar, per lo verno noioso
     75Ch’ora incomincia, e già hanno lasciate
Qualunque leggi nel tempo amoroso
     Sogliono avere i venti, e ciascheduno
     Esce a sua posta e torna furïoso.