Pagina:Boccaccio - Amorosa visione, Magheri, 1833.djvu/195

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CAPITOLO XLV. 183

Ognora che la sua bella figura
     50Disïava vedere, amor facea
     Di ciò contenta la mia mente scura,
Rendendo lei umil quand’io volea:
     E questo più m’accendeva vedendo
     Che ’l mio disio adempier si potea,
55Nè per lei rimaneva, ma sentendo
     Forse maggior periglio, consentia
     Che io avanti mi stessi piangendo,
E grazïosa mostrandosi e pia
     Verso di me con sua benignitate
     60In conforto tenea la mente mia;
Lungamente seguendo sua pietate,
     Ora in avversi ed ora in grazïosi
     Casi reggendo la mia volontate.
Sollecito del tutto mi proposi
     65Di pur sentire l’ultima possanza,
     Che in loro hanno i termini amorosi.
Ver è, che molto prolissa speranza
     Mi tenne in questa via, non però tanto
     Che ’l mio proposto gisse in oblianza.
70Alla seconda con sospiri e pianto,
     Quando con festa, sempre seguitai
     Il mio proponimento, infino a tanto
Sottilmente guardando m’avvisai,
     Che la Donna pensava terminare
     75Con savio stile i disïosi guai.
Però alquanto io mi lasciai il pensare,
     Dicendo tosto: credo provveduto
     Fia da costei il mio grave penare;