Pagina:Boccaccio - Amorosa visione, Magheri, 1833.djvu/21

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

9

CAPITOLO II.




Dove l’autore tratta come seguendo una bella donna perviene a una porta d’un nobile castello.


O somma e grazïosa intelligenza,
     Che muovi il terzo cielo, o santa Dea,
     Metti nel petto mio la tua potenza;
Non sofferir che fugga, o Citerea,
     5A me l’ingegno all’opera presente,
     Ma più sottile e più in me ne crea.
Venga il tuo valor nella mia mente,
     Tal che ’l mio dir d’Orfeo risembri il suono,
     Che ’l mosse a racquistar la sua parente.
10Infiamma me tanto più ch’io non sono,
     Che ’l tuo ardor, di ch’io tutto m’invoglio,
     Faccia piacere quel di ch’io ragiono.
Poi che condotto m’ha a questo soglio
     Costei, che cara seguir mi si face,
     15Menami tu colà ov’io ir voglio;
Acciocch’e’ passi miei, che van per pace,
     Seguendo il raggio della tua stella,
     Vengano a quello effetto che ti piace.