Pagina:Boccaccio - Amorosa visione, Magheri, 1833.djvu/48

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
36 AMOROSA VISIONE

O quanto ardita e fiera mi parea,
     80Armata tutta con uno arco in mano,
     Con più compagne ch’ella seco avea!
Non era lì alcun che del sovrano
     E altiero portamento maraviglia
     Non si facesse, tenendolo strano.
85Non molto dopo lei venia la figlia
     Del re Latino lieta, e dopo Jole;
     Poi Deianira con bassate ciglia,
Ancora quivi d’Ercole si duole.