Pagina:Boccaccio - Decameron I.djvu/380

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
376 giornata quinta

fare’l volentieri anzi che altro caso simile a quel d’iersera me n’avvenisse. — Era quivi intra gli altri un Guiglielmino da Medicina, che con Guidotto era stato a questo fatto, e molto ben sapeva la cui casa stata fosse quella che Guidotto avea rubata; e veggendolo ivi tra gli altri, gli s’accostò e disse: — Bernabuccio, odi tu ciò che Giacomin dice? — Disse Bernabuccio: — Sí, e testé vi pensava piú, per ciò che io mi ricordo che in quegli rimescolamenti io perdei una figlioletta di quella etá che Giacomin dice. — A cui Guiglielmino disse: — Per certo questa è dessa, per ciò che io mi trovai giá in parte ove io udii a Guidotto divisare dove la ruberia avesse fatta, e conobbi che la tua casa era stata: e per ciò rammèmorati se ad alcun segnale riconoscerla credessi, e fanne cercare, che tu troverai fermamente che ella è tua figliuola. — Per che pensando Bernabuccio, si ricordò lei dovere avere una margine a guisa d’una crocetta sopra l’orecchia sinistra, stata d’una nascenza che fatta l’avea poco davanti a quello accidente tagliare; per che, senza alcuno indugio pigliare, accostatosi a Giacomino che ancora era quivi, il pregò che in casa sua il menasse e veder gli facesse questa giovane. Giacomino il vi menò volentieri e lei fece venire dinanzi da lui; la quale come Bernabuccio vide, cosí tutto il viso della madre di lei, che ancora bella donna era, gli parve vedere: ma pur, non istando a questo, disse a Giacomino che di grazia voleva da lui poterle un poco levare i capelli sopra la sinistra orecchia, di che Giacomino fu contento. Bernabuccio, accostatosi a lei che vergognosamente stava, levati con la man dritta i capelli, la croce vide; laonde, veramente conoscendo lei essere la sua figliuola, teneramente cominciò a piagnere e ad abbracciarla, come che ella si contendesse, e vólto a Giacomin, disse: — Fratel mio, questa è mia figliuola; la mia casa fu quella che fu da Guidotto rubata, e costei nel furor subito vi fu dentro dalla mia donna e sua madre dimenticata, ed infino a qui creduto abbiamo che costei nella casa, che mi fu quel di stesso arsa, ardesse. — La giovane, udendo questo e veggendolo uomo attempato, e dando alle parole fede, e da occulta vertú mossa, sostenendo li suoi abbracciamenti, con