Pagina:Boccaccio - Decameron II.djvu/264

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
258 giornata decima

[V]

Madonna Dianora domanda a messere Ansaldo un giardino di gennaio bello come di maggio; messere Ansaldo con l’obligarsi ad uno nigromante gliele dá; il marito le concede che ella faccia il piacere di messere Ansaldo, il quale, udita la liberalitá del marito, l’assolve della promessa, ed il nigromante, senza volere alcuna cosa del suo, assolve messere Ansaldo.


Per ciascuno della lieta brigata era giá stato messer Gentile con somme lode tolto infino al cielo, quando il re impose ad Emilia che seguisse; la qual baldanzosamente, quasi di dire disiderosa, cosí cominciò:

Morbide donne, niun con ragione dirá, messer Gentile non aver magnificamente operato: ma il voler dire che piú non si possa, il piú potersi non fia forse malagevole a mostrarsi; il che io avviso in una mia novelletta di raccontarvi.

In Frioli, paese, quantunque freddo, lieto di belle montagne, di piú fiumi e di chiare fontane, è una terra chiamata Udine, nella quale fu giá una bella e nobile donna chiamata madonna Dianora, e moglie d’un gran ricco uomo nominato Gilberto, assai piacevole e di buona aria: e meritò questa donna per lo suo valore d’essere amata sommamente da un nobile e gran barone il quale aveva nome messere Ansaldo Gradense, uomo d’alto affare, e per armi e per cortesia conosciuto per tutto. Il quale, fervenfemente amandola ed ogni cosa faccendo che per lui si poteva per essere amato da lei, e da ciò spesso per sue ambasciate sollecitandola, invano si faticava. Ed essendo alla donna gravi le sollecitazioni del cavaliere, e veggendo che, per negare ella ogni cosa da lui domandatale, esso per ciò né d’amarla né di sollecitarla si rimaneva, con una nuova ed al suo giudicio impossibil domanda si pensò di volerlosi tôrre da dosso: e ad una femina che a lei da parte di lui spesse volte veniva, disse un dì cosi: — Buona femina, tu m’hai molte volte affermato che messere Ansaldo sopra tutte le cose m’ama e maravigliosi doni m’hai da sua parte profferti; li quali voglio che si rimangano