Pagina:Boccaccio - Decameron II.djvu/341

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

nota 335


Ma né questo studio né una semplice enumerazione di segnature sono, com’è chiaro, da attendersi qui. Basterá ricordare, piú che le scarse e mal determinate notizie raccolte in proposito dal Borghini e passate poi ad altri autori1, quei pochissimi testi a penna che di tempo in tempo furono additati particolarmente come osservabili. Tra essi il piú curioso è quel fascicoletto giá Strozziano (S) che V. Follini illustrò con una lezione tenuta nel 18232, e che in sostanza si riduce ad una specie di estratto della cornice del Dec., costituito dalla «chiusa» delle prime nove Giornate, inclusevi le ballate corrispondenti ed inclusa a suo luogo l’intera novella IX, x; il tutto introdotto da una specie di preambolo satirico-morale e letterario, dove il nome del Bocc. è presentato in maniera da far intendere ch’egli fosse vivo ancora quando il singolare documento fu scritto3. Indiscutibile pertanto

  1. Annotazioni cit., p. 13; cfr. anche Manni, Ist. del Dec. cit., pp. 628-32. Per altre indicazioni si veda (oltre la prefaz. alla stampa lucchese del 1761, p. I, n. 1) E. Narducci, Di un Catalogo generale dei mss. e dei libri a stampa delle Biblioteche governative d’Italia, Roma, 1877, pp. 11-2: è una «Proposta al signor Ministro della P. I. nella quale si dá per saggio l’articolo Boccaccio». Un «testo antichissimo e perfetto» possedeva Pietro Bembo, ed è forse quel medesimo che nel 1582, quando Fulvio Orsini lo cercava per arricchirne la sua libreria, risultò scomparso (De Nolhac, La bibliothèque de F. Orsini, pp. 106, 278-9, 309).
  2. Sopra il piú antico cod. del Dec. del Bocc. contenente solo una parte di quest’opera e scritto vivente il Bocc. medesimo circa il 1354 o 1355, Firenze, 1828. È il secondo dei codicetti legati insieme nell’odierno ms. II. II. 8 della Nazionale Centrale fiorentina, di cui costituisce le cc. 20-37, numerate originariamente xxiiij-xlj. In calce alla prima facciata si legge: «Del Sen.re Carlo di Tommaso Strozzi 1670».
  3. Il preambolo fu stampato da G. Biagi, Il Dec. giudicato da un contemporaneo, negli Aneddoti letterari (Milano, 1887), p. 327 sgg.; il passo relativo al Bocc. è questo: «torniamo a commendare la fama di coloro i quali hanno a vostra reverenzia ad alcune belle e dilettevoli inventive dato composizione; de’ quali, infra gli altri di cui io al presente mi ricordo, si è il valoroso messer Giovanni di Boccaccio, a cui Iddio presti lunga e prosperevole vita come a lui medesimo è piacere. Questi da picciol tempo in qua ha fatti molti belli e dilettevoli libri, ed in prosa ed in versi, a onore di quelle graziose donne la cui magnanimitade nelle cose dilettevoli e vertudiose aoperare si contenta, e de’ libri e delle belle istorie, leggendole o udendole leggere, sommo piacere e diletto ne prendono, di che a lui n’accresce fama ed a voi diletto; de’ quali, infra gli altri, uno molto bello e dilettevole ne compuose titolato Decameron. Il quale tratta, siccome voi se l’avete udito leggere dovete sapere, d’una lieta compagnia di sette giovani donne e di tre giovani, i quali si partirono della cittá di Firenze ne’ tempi della mortalitá ed andaronsene ivi presso a dilettevoli luoghi diportando; i nomi de’ quali figuratamente furono questi: delle sette donne, la prima fu nominata Pampinea, la seconda Fiammetta, Filomena la terza, la quarta Emilia, la quinta Lauretta, la sesta Neifile, l’ultima Elissa; i giovani, il primo fue chiamato Panfilo, e Filostrato il secondo, l’ultimo