Pagina:Boccaccio - Fiammetta di Giovanni Boccaccio corretta sui testi a penna, 1829.djvu/67

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


mie mescolando, al mio collo, credo per la fatica dell’animo, grave pendendo, con debole voce disse: Donna, io ti giuro per lo luminoso Apollo, il quale ora surge oltre a’ nostri disii con velocissimo passo, di più tostana partita dando cagione, e li cui raggi io attendo per guida, e per quello indissolubile amore che io ti porto, e per quella pietà che ora da te mi divide, che il quarto mese non uscirà che, concedendolo Iddio, tu mi vedrai qui tornato.

E quindi, presa con la sua destra la mia destra mano, a quella parte si volse, dove le sacre imagini dei nostri iddii figurate vedeansi, e disse: O santissimi iddii, igualmente del cielo governatori e della terra, siate testimoni alla presente promessione, e alla fede data dalla mia destra; e tu, Amore, di queste cose consapevole, sii presente; e tu, o bellissima camera, a me più a grado che ’l cielo agl’iddii, così come testimonia secreta de’ nostri disii se’ stata, così similemente guarda le dette parole; alle quali, se io per difetto di me vengo meno, cotale verso di me l’ira d’Iddio si dimostri, quale quella di Cerere in Erisitone, o di Diana in Atteone, o in Semelè di Giunone apparve già nel passato.

E questo detto, me con volontà somma abbracciò ultimamente dicendo Addio! con rotta voce.

Poi che egli così ebbe parlato, io misera, vinta dall’angoscioso pianto, appena li pote’ rispondere alcuna cosa; ma pure isforzandomi, tremanti parole pinsi fuori della trista bocca in cotale forma: La fede a’ miei orecchi promessa, e data alla mia destra mano dalla tua, fermi Giove in cielo con quello effetto che Inachide fece li prieghi di Teletusa, e in terra, come io disidero e come tu chiedi, la faccia intera.

E accompagnato lui infino