Pagina:Boccaccio - Filocolo di Giovanni Boccaccio corretto sui testi a penna. Tomo 1, 1829.djvu/88

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


lione e Racheo presero i commessi uficii; e senza alcuna dimoranza incominciò Racheo a mettere il suo in asseguizione con intera sollecitudine. E loro in breve termine insegnato a conoscer le lettere, fece loro leggere il saltero e 'l libro d’Ovidio, nel quale il sommo poeta mostra come i santi fuochi di Venere si deano ne’ freddi cuori con sollecitudine accendere.