Pagina:Boccaccio - Il Filostrato di Giovanni Boccaccio nuovamente corretto su i testi a penna, 1831.djvu/132

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
120 IL FILOSTRATO


XXII.


E ’n verso il suo palagio se ne gio,
     Senza ascoltare o volgersi ad alcuno,
     E tal qual era sospiroso e pio,
     Senza voler compagnia di nessuno,
     Nella camera ginne, e che disio
     Di riposarsi avea, disse; onde ognuno,
     Amico e servitor quantunque caro,
     N’uscì, ma pria le finestre serraro.

XXIII.


A quel che segue, vaga donna, appresso,
     Non curo io guari se non se’ presente,
     Perciocchè il mio ingegno da sè stesso,
     (Se la memoria debol non gli mente)
     Saprà il grave dolor, dal quale oppresso
     Per la partenza tua tristo si sente,
     Ben raccontar senza alcun tuo soccorso,
     Che se’ cagion di sì amaro morso.

XXIV.


I’ ho infino a qui lieto cantato
     Il ben che Troilo sentì per amore,
     Come che di sospir fosse mischiato,
     Or di letizia volgere in dolore
     Conviemmi, perchè se da te ascoltato
     Non son, non curo, che a forza il core
     Ti cangerà, facendoti pietosa
     Della mia vita più ch’altra dogliosa.