Pagina:Boccaccio - Il Filostrato di Giovanni Boccaccio nuovamente corretto su i testi a penna, 1831.djvu/145

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

PARTE QUARTA 133


LXI.


Morte, tu mi sarai tanto soave,
     Quant’è la vita a chi lieta la mena:
     Già l’orrido tuo aspetto non m’è grave,
     Dunque vieni e finisci la mia pena.
     Deh non tardar, che questo fuoco m’ave
     Incesa già sì ciascheduna vena,
     Che refrigerio il tuo colpo mi fia,
     Deh vieni omai che ’l cuor pur ti disia.

LXII.


Uccidimi per Dio, non consentire
     Ch’io viva tanto in questo mondo, ch’io
     Il cuor del corpo mi veggia partire.
     Deh fallo morte, i’ ten prego per Dio,
     Assai mi dorrà quel più che ’l morire,
     Contenta in questa parte il mio disio;
     Tu n’uccidi ben tanti oltre al volere,
     Che ben puo’ fare a me questo piacere.

LXIII.


Così piangendo si rammaricava
     Troilo, e Pandar facea similmente,
     E nondimen sovente il confortava,
     Quanto poteva il più pietosamente;
     Ma tal conforto nïente giovava,
     Anzi cresceva continovamente
     Il pianto doloroso ed il tormento,
     Tant’era di cotal cosa scontento.