Pagina:Boccaccio - Il Filostrato di Giovanni Boccaccio nuovamente corretto su i testi a penna, 1831.djvu/178

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
166 IL FILOSTRATO


CLX.


Ond’io ti prego, se ’l mio prego vale,
     E per lo grande amore il qual mi porti,
     E per quel ch’io a te porto, ch’è altrettale,
     Che tu di questa andata ti conforti;
     Che stu sapessi quanto mi fa male
     Veder li pianti e li sospir sì forti
     Che tu ne gitti, el te ne increscerebbe,
     E di farne cotanti ti dorrebbe.

CLXI.


Per te in allegrezza ed in disio
     Spero di vivere e di tornar tosto,
     E trovar modo al tuo diletto e mio:
     Fa’ ch’io ti veggia in tal guisa disposto
     Pria che da te io mi diparta, ch’io
     Non abbia più dolor, che quel che posto
     M’ha nella mente amor troppo focoso;
     Fallo, ten prego, dolce mio riposo.

CLXII.


E pregoti, mentr’io sarò lontana,
     Che prender non ti lasci dal piacere
     D’alcuna donna, o da vaghezza strana;
     Che s’io ’l sapessi, dei per certo avere
     Che io m’ucciderei siccome insana,
     Dolendomi di te oltra ’l dovere.
     Mi lasceresti per altra, che sai
     Che t’amo più che donna amasse uom mai?