Pagina:Boccaccio - Il Filostrato di Giovanni Boccaccio nuovamente corretto su i testi a penna, 1831.djvu/206

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

IL

FILOSTRATO

DI GIOVANNI BOCCACCI



PARTE SESTA



ARGOMENTO

Qui comincia la sesta parte del Filostrato, nella quale primieramente Griseida, essendo presso al padre, si duole d’essere lontana a Troilo. Viene a lei Diomede e favellale; biasimale Troia e i Troiani, e discuoprele il suo amore; al quale ella risponde, e lascialo in dubbio s’egli le piaccia o no; e ultimamente intiepidita di Troilo, il comincia a dimenticare. E primieramente si duole piangendo Griseida d’essere da Troilo lontana.


I.


Dall’altra parte in sul lito del mare,
     Con poche donne, tra le genti armate
     Stava Griseida, ed in lagrime amare
     Da lei eran le notti consumate,
     Che ’l giorno più le convenia guardare,
     Perchè le fresche guance e delicate
     Pallide e magre l’eran divenute,
     Lontana dalla sua dolce salute.