Pagina:Boccaccio - Il Filostrato di Giovanni Boccaccio nuovamente corretto su i testi a penna, 1831.djvu/26

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
14 IL FILOSTRATO


VIII.


Quando Calcas, la cui alta scïenza
     Avea già meritato di sentire
     Del grande Apollo ciascuna credenza,
     Volendo del futuro il vero udire,
     Qual vincesse, o la lunga sofferenza
     De’ Troiani, o de’ Greci il grande ardire;
     Conobbe e vide, dopo lunga guerra
     I Troian morti e distrutta la terra.

IX.


Per che segretamente dipartirsi
     Diliberò l’antiveduto e saggio;
     E preso luogo e tempo da fuggirsi,
     Ver la greca oste si mise in viaggio;
     Onde all’incontro assai vide venirsi,
     Che ’l ricevetton con lieto visaggio;
     Da lui sperando sommo e buon consiglio
     In ciascheduno accidente o periglio.

X.


Fu romor grande quando fu sentito,
     Per tutta la città generalmente,
     Che Calcas s’era di quella fuggito,
     E parlato ne fu diversamente,
     Ma mal da tutti, e ch’egli avea fallito,
     E come traditor fatto reamente,
     Nè quasi per la più gente rimase
     Di non andargli col fuoco alle case.