Pagina:Boccaccio - Il Filostrato di Giovanni Boccaccio nuovamente corretto su i testi a penna, 1831.djvu/42

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
30 IL FILOSTRATO


LVI.


Io tornerò, se tu fai donna questo,
     Qual fiore in nuovo prato in primavera,
     Nè mi fia poscia l’aspettar molesto,
     Nè il vederti disdegnosa o altera;
     E se t’è grave, almeno a me, che presto
     Ad ogni tuo piacer son, grida fera
     Ucciditi, che io ’l farò di fatto,
     Credendoti piacere in cotal atto,

LVII.


Quinci diceva molte altre parole,
     Piangeva e sospirava, e di colei
     Chiamava il nome, sì come far suole
     Chi soperchio ama, ed alli suoi omei
     Mercè non trova, che tutt’eran fole
     Che perdeansi ne’ venti, che a lei
     Nulla ne perveniva, onde il tormento
     Moltiplicava ciascun giorno in cento.