Pagina:Boccaccio - Il comento sopra la Commedia di Dante Alighieri di Giovanni Boccaccio nuovamente corretto sopra un testo a penna. Tomo I, 1831.djvu/288

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
268 COMENTO DEL BOCCACCI

luogo dove maritata fu, cioè in Corito, città ovverò castello, non guari lontano a Roma. Ebbe costei sei sirocchie, chiamate con lei insieme Pliade, dal nome della madre, chiamata, come detto è, Pleione: le quali sette sirocchie, secondo le favole de’ poeti, perciocchè nutricaron Bacco, meritarono essere trasportate in cielo, ed in forma di stelle poste nel ginocchio del segno chiamato Tauro: delle quali scrive Ovidio nel suo De Fastis, così:

Pliades incipiunt humeros relevare paternos:
     Quae septem diei, sex tamen esse solent:
Seu quod in amplexum sex hinc venere Deorum:
     Nam Steropen Marti concuhuisse ferunt:
Neptuno Halyonen, et te formosa Celaeno:
     Majan, et Eletean, Tajgetenque Jovi:
Septima mortali Merope tibi, Sisyphe, nupsit.
     Poenitet; et facti sola pudore latet.
Sive quod Electra Trojae spectare ruinas
     Non tulit: ante oculos opposuitque manum.

Secondo gli astrologi l’una di queste sette stelle è nebulosa, e però come l’altre non apparisce. Chiamanle queste stelle i Latini Virgilie. Anselmo in libro De Imagine mundi, dice, che queste stelle non si chiamano Pliade dal nome della madre loro, ma dalla quantità; perciocchè plion in greco, viene a dire moltitudine in latino, Virgilie son chiamate, perciocchè in quelli tempi, che i virgulti cominciano a nascere, si cominciano a levare, cioè all’entrata di marzo. Il numero loro, che son sette, puote aver data cagione alla favola; perciocchè essendo simili in numero alle predette sette stelle, furono cominciate