Pagina:Boccaccio - Il comento sopra la Commedia di Dante Alighieri di Giovanni Boccaccio nuovamente corretto sopra un testo a penna. Tomo I, 1831.djvu/365

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

SOPRA DANTE 345

questa essere stata ignoranzia Facti, la quale davanti dicemmo doversi potere scusare? Appresso, presupposto cbe alcuna altra nazione avesse voluto dagli Ebrei sapere questo secreto, il quale a loro soli Iddio avea dimostrato, l’avrebbe ella potuto credere? essendoci per le loro medesime lettere manifesto, che essi Ebrei essendo lungamente stati pasciuti di manna, e udendo gli ammaestramenti di Moisè, il quale per la loro liberazione avean veduto percuotere Faraone di dieci crudelissime piaghe, e veduto da lui essere stato nel diserto elevato un serpente di rame, al quale mostrate le lor piaghe, da’ serpenti del luogo dove erano ricevute, tutti guerivano: aveangli veduto con la verga percuotere una pietra viva, e di quella a saziar la sete loro uscire un fiume, non gli prestavan però interamente fede, ma or con una ritrosia, or con un’altra, non facevano altro che mormorare, e chiedere che nella servitudine della quale tratti gli avea gli ritornasse. E ultimamente elevato un toro d’ariento, contro al comandamento suo quello adorarono, onorarono, e magnificarono per loro Iddio. Non fu mai alcun messo di Dio mandato, che il suo piacere loro annunziasse, e chiamassegli ad obbedienza della sua legge. E chi dubita che Domeneddio non conoscesse alcuni da sè a ciò non dover venire non chiamati, quando i chiamati con ostinata pertinacia recusavan d’udire i suoi comandamenti e d’ubbidirlo? Se forse volesse alcun dire, Jona fu mandato da Dio a Ninive; ma esso non andò ad ammaestrarli della legge di Dio, ma a nunziare che Ninive infra quaranta dì si disfarebbe. E se gli Ebrei furono in Ba-