Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/137

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LA TESEIDE

LIBRO QUARTO




ARGOMENTO


Dimostra il quarto dipartito Arcita
     Con grieve tempo il suo rammaricare,
     Mutato il nome, per sicura vita;
     E di Beozia a Corinto l’andare;
E quindi appresso la sua dipartita,
     E in Micena poscia l’arrivare,
     Dove con Menelao con ismarrita
     Mente si pose per famiglio a stare.
Quindi ad Egina a Peleo se ne vene;
     E con lui non potendo lungamente
     Durar, non conosciuto entrò in Atene:
E di Teseo divenuto servente,
     Quindi dimostra la vita che tene,
     Facendol noto a Panfil primamente.


1


Quanto può fare il tempo più guazzoso,
     Cotanto o più il faceva Orione,
     Molto nel cielo allora poderoso,
     Colle Pleiade in sua operazione:
     Ed Eolo d’altra parte più ventoso
     Il faceva che mai, quella stagione
     Ch’uscì d’Atene il doloroso Arcita
     Senza speranza mai di far reddita.