Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/168

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LA TESEIDE

LIBRO QUINTO




ARGOMENTO


Marte che troppo s’era riposato,
     Entrato in Palemon nuovo sospetto,
     Il suo compagno udendo ritornato,
     Dimostra il quinto, a lui entrar nel petto:
Quindi dichiara l’ingegno trovato
     A sprigionarlo dal savio valletto:
     Poi dal medico suo il mostra armato,
     E lui orante conduce al boschetto.
Poscia le lor carezze, e ’l quistionare
     D’ognun voler Emilia, e ’l fiero Marte
     Può chiaro assai chi più legge trovare.
Quindi venendo Emilia d’una parte,
     Vedendo lor, Teseo fece chiamare,
     Il qual con patti lor già noti sparte.


1


Rimase Palemon, partito Arcita,
     Com’è già detto di sopra, in prigione,
     E poco cara aveva la sua vita,
     Tanto sentiva più sconsolazione
     Ch’altro; e simíle per la dipartita,
     La qual già fatta avea ’l suo compagnone;
     E ’l tempo suo in lagrime e in sospiri
     Tutto spendeva pien d’aspri martíri.