Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/180

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
162 LA TESEIDE


35


Ma Febea che chiara ancor lucea,
     Co’ raggi suoi il viso gli scopria,
     Sicchè aperto Palemon vedea,
     Perchè ’l risomigliarlo gli fuggia;
     Ma poichè alquanto mirato l’avea,
     In sè la sua effigie risentia:
     Perchè disse fra sè: esso è per certo,
     Nè ’l può celar la barba end’è coverto.

36


E nol voleva mica risvegliare,
     Tanto pareva a lui ched e’ dormisse
     Soavemente, ma si pose a stare
     Allato a lui, e così fra sè disse:
     O bell’amico molto da lodare,
     Se al presente tu ti risentisse
     Tosto credo fra noi si finirebbe
     Qual di noi due per donna Emilia avrebbe.

37


In questo il giorno a fare era già presso,
     Ed a cantar gli uccelli han cominciato:
     Perchè Penteo risentendosi adesso,
     In piè si fu prestamente levato,
     Ver Palemone, che venía vers’esso,
     Con maraviglia tosto s’è voltato,
     E disse: cavalier, che vai cercando
     Per questo bosco sì armato andando?