Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/216

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
198 LA TESEIDE


35


Evandro nato su nell’alto colle
     Cillenio di Carmenta, e di colui
     Che l’anime da’ corpi morti tolle,
     In ozio star con li popoli sui
     Nella steril Nonacria non volle;
     Ma per mostrar la sua potenza altrui,
     Essendo ancora prospero e regnante,
     Con molti suoi baron giunse festante.

36


Egli era su tessalico destriere
     Co’ suoi insieme andando baldanzoso;
     Ed era armato d’armi forti e fiere,
     E un cuoio, per mantel, d’orso piloso
     Libistrico, le cui unghie già nere
     Sott’oro eran nascose luminoso,
     E de’ suoi molti avean tal copritura,
     E di leone alcun la pelle dura.

37


Altri avean pelli di tori lunati,
     Tutte di chiari lembi circuite;
     Alquanti v’eran in cinghiar fasciati,
     Nullo n’aveva con armi pulite:
     E così insieme tutti divisati
     Circuivano Evandro, come udite:
     Il qual dall’una man saette aveva,
     Dall’altra un arco ed il caval reggeva.