Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/218

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
200 LA TESEIDE


41


Vennevi Peritoo, che dalla madre
     Ancor le guance senza pelo avea:
     Questi con veste di drappi leggiadre
     Di biltà tutto nel viso splendea
     Bianco vermiglio, e colle luci ladre
     Chi rimirava con amor prendea:
     E biondo assai vie più che fila d’oro,
     Incoronato di frondi d’alloro.

42


Nè crede alcun che sì bel fosse Adone
     Di Cinira, da Vener tanto amato,
     Quanto era Peritoo, ancor garzone,
     Morbido nell’aspetto e dilicato:
     Costui montato sopra un gran roncione
     Del seme di Nettuno procreato,
     Venne ad Atene, e incontro gli si feo
     Il suo amico con festa Teseo.

43


E benchè fosse molto conosciuto
     Peritoo in Atene, nondimeno
     Sì era egli volentier veduto:
     Perchè ciaschedun luogo n’era pieno
     Del popol ch’era a lui veder venuto;
     Tanto che appena il loco non capieno:
     Così col suo Teseo sen venne adagio,
     E con lui dismontò nel suo palagio.