Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/219

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LIBRO SESTO 201


44


Il duca di Naricia giovinetto
     Ancora molto vi mandò Laerte,
     Da cui gli fur con paternale affetto
     Le armi lucenti primamente offerte,
     Le quali e’ prese con sommo diletto,
     E assai pargli ogni poco che esperte
     Le abbia: e con seco menò Diomede,
     Cui sempre amò con amichevol fede.

45


Poi di Sidonia ancor Pigmaleone
     Vi venne, e fuvvi con seco Sicheo,
     Che poi fu sposo dell’alta Didone;
     E’ da fenicii nobili si feo
     Seguire, a guisa di sommo barone:
     E cogli suoi insieme da Teseo
     Fu onorato magnificamente
     E ricevuto molto caramente.

46


Quivi nell’arme con solenne stuolo
     Il glorioso re della Dittea
     Isola, già d’Europa figliuolo,
     Vi venne, che ancora non avea
     Del suo bell’Androgeo sentito il duolo,
     E in su la riva d’Atene Lernea
     Discese, e fe’ coll’ancore fermare
     Le navi che ’l dovevano aspettare.