Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/220

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
202 LA TESEIDE


47


Di dietro a cui discese Radamante,
     Fratel di lui, e Sarpedone appresso,
     E le lor genti ancora tutte quante:
     Quivi era un carro orrevole per esso,
     Sopra del qual montò, e messo avante
     La gente sua, non però molto cesso,
     Inverso Atene prese il cammin tosto,
     Siccome avea nella mente disposto.

48


Il manco lato uno scudo gli armava,
     Nel qual vedeansi i regni di Nereo;
     E come Giove in que’ toro notava,
     Carico di Europa, onde nasceo:
     E i liti v’eran dove e’ la posava
     Soavemente nel regno Ditteo;
     E similmente la casside bella
     Tutta lucea della paterna stella.

49


Erano i campi, gli argini e le strade,
     Le porti de’ palagi e li balconi,
     Comecchè fosson ed ispesse o rade,
     Piene di donne tutte e di baroni,
     Per veder di Minos la dignitade,
     E’ vecchi antichi e’ giovani garzoni
     Tutti venuti v’erano a mirare
     Il gran baron nella lor terra entrare,