Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/240

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
222 LA TESEIDE


32


In questa vide la ca’ dello Iddio
     Armipotente, e questa è edificata
     Tutta d’acciaio splendido e pulio,
     Dal quale era dal sol riverberata
     La luce, che abborriva il luogo rio:
     Tutta di ferro era la stretta entrata,
     E le porte eran d’eterno diamante,
     Ferrate d’ogui parte tutte quante.

33


E le colonne di ferro costei
     Vide, che l’edificio sostenieno:
     Lì gl’Impeti dementi parve a lei
     Veder, che fier fuor della porta uscieno,
     Ed il cieco Peccare, ed ogni Omei
     Similemente quivi si vedieno;
     Videvi l’Ire rosse come fuoco,
     E la Paura pallida in quel loco.

34


E con gli occulti ferri i Tradimenti
     Vide, e le Insidie con giusta apparenza:
     Lì Discordia sedeva, e sanguinenti
     Ferri avie in mano, e d’ogni differenza;
     E tutti i luoghi pareano strepenti
     D’aspre minacce e di crudele intenza:
     E ’n mezzo il loco la Virtù tristissima
     Sedíe di degne lode poverissima.