Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/252

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
234 LA TESEIDE


68


Stettesi adunque, mentre il mondo chiuso
     Tenne Apollo di luce, Palemone
     Dentro dal tempio sagrato rinchiuso
     Continovo in divota orazione:
     Siccome forse in quel tempo era in uso
     A chi doveva fare mutazione
     D’abito scuderesco in cavaliere,
     Com’e’ doveva, che era scudiere.

69


E certo li predetti innamorati
     Per lor piacevolezza in generale
     Da tutti gli Ateniesi erano amati:
     Perchè gl’Iddii da ciascun con eguale
     Animo furo tututti pregati
     Che gli guardasson d’angoscia e di male,
     E ciascheduno in modo contentasse,
     Che di lor nullo mai si biasimasse.

70


Fra gli altri che agl’Iddii sagrificaro
     Fu l’una Emilia più divotamente;
     La qual sentendo quanto ciascun caro
     Era degli due amanti alla sua gente,
     Non sofferse il suo cuor d’essere avaro
     Di porger preghi a Diana possente
     In servigio di que’ che amavan lei,
     Più che gli uomini in terra o in ciel gli Dei.