Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/268

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
250 LA TESEIDE


116


Egli era innanzi in su un gran destriere
     A tutti i suoi tutto quanto soletto,
     E ben mostrava ardito cavaliere,
     Sì feroce veniva nell’aspetto,
     Quando attraverso, e innanzi, e arriere
     Gía senza posa il buon cavallo eletto:
     Ed egli aveva lo scudo imbracciato,
     Ed il forte elmo in testa ben legato.

117


Appresso gli era col pennone in mano
     Il forte Dria montato di vantaggio,
     Di cuore ardito, e di poter sovrano,
     Il qual seguiva il nobil baronaggio:
     E ’l primo era Agamennone spartano,
     E ’l secondo Peleo nobile e saggio,
     Licurgo il terzo, e il quarto era Castore,
     Menelao il quinto, e ’l sesto era Nestore.

118


Poi Peritoo e Cromis virilmente,
     Ed Ippodamo, e poi Pigmaleone,
     Ciascun con nove suoi arditamente:
     Ed in quel preson quella porzïone
     Che giustamente lor fu contingente.
     Ma d’altra parte entrò poi Palemone
     Fiero ed ardito il cavallo spronando,
     Negli atti bene il suo valor mostrando.