Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/322

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
304 LA TESEIDE


131


E lieto i suol andava raccogliendo,
     Benchè pochi rimasi ve ne avesse,
     E colla spada in mano ancor ferendo,
     Se alcun vi fosse che contra dicesse
     Alla vittoria sua, e sì facendo
     D’allegrezza parea tutto godesse:
     E giù volea il cavallo ritenere,
     Avendo tutto vinto al suo parere.