Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/359

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LIBRO DECIMO 341


20


Signor, tu sai che poi che di Creonte
     Il giusto Marte ti diede vittoria,
     Io che con lui t’era uscito a fronte
     Per prigion preso fui, della tua gloria
     Piccola parte, e certo non isponte,
     E Palemone ancor, come a memoria
     Esser ti dee, li qua’ festi guardare,
     Forse temendo del nostro operare.

21


Ma poichè quindi fummo liberati,
     Per tua bontà e per tua cortesia,
     Li nostri ben, donde eravam privati,
     Ci fur renduti, e ogni baronia,
     Come ti piacque, avemmo, ed onorati
     Fummo quali eravam giammai in pria,
     De’ quali a Palemon tutta mia sorte
     Ti prego doni, appresso la mia morte.

22


Similemente ancor t’è manifesto
     Quanto amor m’abbia per Emilia stretto;
     Il quale al tuo servigio sol per questo
     Ad esser venni, nè ciò che sospetto
     Mi dovea esser non mi fu molesto;
     Anzi con fè serviva e con diletto;
     Nè credo mai ti trovassi ingannato
     Di cosa che di me ti sia fidato.