Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/403

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LIBRO UNDECIMO 385


38


Sopra le spalle li Greci maggiori
     Il feretro levarsi lagrimando,
     E con esso d’Atene usciron fuori,
     Con alto pianto la gente gridando,
     Gl’iniqui iddii e li loro errori
     Con alte boci spesso bestemmiando;
     E infino al loco per la pira eletto
     Porlaro i duci il miserabil letto.

39


La qual già fatta in quel loco trovata,
     E d’ogni legno ricca, sopra d’essa
     Ebbero la lettiera riposata,
     La qual fu tosto dalla gente spessa,
     Che gli seguiva, tutta intornïata,
     Per ciò veder, con dissoluta pressa:
     E poi gli duci indietro si tiraro,
     E gli altri che venivano aspettaro.

40


Là venne Palemone, al quale Egeo
     Dolente andava dal suo destro lato,
     E dal sinistro gli venia Teseo,
     Dagli altri regi poi tutto fasciato:
     Emilia poi appresso si vedeo,
     Cui più debole sesso sconsolato
     Accompagnava, ed essa in mano il foco
     Feral recava al doloroso loco.


bocc. la teseide 25