Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/447

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LIBRO DUODECIMO 429


77


Ver’è che per le offerte, che n’andaro
     Poi la mattina a’ templi, s’argomenta
     Che Venere, anzi che ’l dì fosse chiaro,
     Sette volte raccesa e tante spenta
     Fosse nel fonte amoroso, ove raro
     Buon pescator non util si diventa:
     El si levò, venuta la mattina,
     Più bello e fresco che rosa di spina.

78


E poi si fece Panfilo chiamare;
     E siccom’esso già promesso avea,
     Così gli fece eccelsi don portare
     Al tempio della bella Citerea,
     E con gran lodi la fece onorare,
     Lei ringraziando, per cui el tenea
     La bella Emilia da lui molto amata,
     E così lungo tempo disiata.

79


Quindi sen venne con allegro aspetto
     Nella gran sala riccamente ornata,
     Dove con gioia somma e con diletto
     Era la festa già ricominciata;
     E li re greci li vennero in petto,
     Con lieti motti della trapassata
     Notte qual fosse suta domandando,
     E molto di ciò insieme sollazzando.