Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/48

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
30 LA TESEIDE


62


Il chiaro Apollo, il cielo, e il salso mare
Fien testimonii eterni ed immortali
Del vostro vile e tristo adoperare;
E porterà la fama i vostri mali
Con perpetuo nome, e voi mostrare
Farà a dito a gente diseguali,
Dicendo: vedi i cavalier dolenti,
Che vinti fur dall’amazzonee genti.

63


Fuggitevi di qui, vituperati,
Poi Marte più che voi donne sovviene,
E delli vostri arnesi dispogliati
Li lasciate vestire a chi conviene:
Or non era migliore che onorati
Di morte aveste sostenute pene,
Che con vergogna indietro rinculare,
Ed a donzelle lasciarvi cacciare?

64


Entri nell’armi adunque chi n’è degno,
L’altro le lasci che non vuole onore,
Morte pigliando per fuggire sdegno;
Ed a cui piace più con disonore
Vita, che pregio, non segua ’l mio segno,
Vivasi quanto vuol senza valore:
Ch’io sarò troppo più solo onorato,
Ch’essendo da cotali accompagnato.