Pagina:Boccaccio - Ninfale fiesolano di Giovanni Boccaccio ridotto a vera lezione, 1834.djvu/119

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

parte quinta 113

LVII.

Affrico se ne giva inverso il piano,
     Mensola al monte su pel colle tira,
     Molto pensosa col suo dardo in mano,
     E del mal fatto forte ne sospira:
     Affrico, ch’era ancor poco lontano
     Da lei, con gli occhi la segue e la mira,
     A ogni passo indietro si voltava

     A rimirar colei che tanto amava.

LVIII.

Mensola ancora spesso si volgeva
     A rimirar colui che a forza amava,
     E che ferita sì forte l’aveva
     Che poco altro che lui desiderava:
     E l’uno all’altro di lontan faceva
     Ispesso cenni ed atti e salutava,
     Infin che non fu lor dal bosco folto

     E dalle coste e ripe il mirar tolto.

LIX.

Affrico si tornò dove nascoso
     Aveva il suo vestir quella mattina,
     E quivi giunto, senz’altro riposo
     Si vestì la gonnella masculina:
     Poi verso casa si tornò gioioso,
     E giunto là, la veste femminina
     Ripose nel suo luogo, che la madre
     Non se ne accorse nè ancora il padre.


ninf. fies. 8