Pagina:Boccaccio - Ninfale fiesolano di Giovanni Boccaccio ridotto a vera lezione, 1834.djvu/137

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

parte sesta 131

XLVIII.

Così più ogni giorno assicurata
     Mensola s’era, da poi ch’ella vede
     Che dalle sue compagne era onorata
     Siccome mai, e ciascuna si crede
     Che com’elle non sia contaminata,
     Ed alle sue bugie si dava fede,
     E perchè ancora a Dïana credea

     Il peccato celar che fatto avea.

XLIX.

Non però amor l’avea tratto del petto
     Affrico, e ch’ella non si ricordasse
     Del nome suo, e del preso diletto,
     E che tacitamente nol chiamasse,
     Quando avea tempo, e ch’alcun sospiretto
     Assai sovente per lui non gittasse,
     Siccome innamorata, e paurosa

     Tenea la fiamma dentro al cor nascosa.

L.

E come far solea, già cominciava
     Colle compagne sue, col dardo in mano,
     A gir cacciando; e quand’ella arrivava
     Dove Affrico la prese, di lontano
     Quel luogo rimirando sospirava,
     Dicendo in fra sè stessa molto piano:
     Affrico mio, quanto di gioia avesti
     Già in quel loco quando mi prendesti!