Pagina:Boccaccio - Ninfale fiesolano di Giovanni Boccaccio ridotto a vera lezione, 1834.djvu/138

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
132 ninfale fiesolano

LI.

Or non so io che di te più si sia,
     Ma credo ben che stai in gran tormento
     Per me: ma non è già la colpa mia,
     Paura è che mi toglie ogni ardimento:
     Così dicendo volentier vorria
     Affrico suo aver fatto contento,
     Ove credesse che giammai saputo

     Da Dïana o da ninfe fosse suto.

LII.

Vivendo adunque Mensola in tal vita,
     Innamorata e suggella a temenza,
     Alquanto nel bel viso impalidita
     Era venuta per quella semenza
     Che nel suo ventre già era fiorita;
     Passò tre mesi senza aver credenza
     Di partorir giammai, o far figliuolo,

     Com’ella fece poscia con gran duolo.

LIII.

Ma facendo suo corso la natura,
     In capo di tre mesi incomincioe
     A manifesta far la creatura
     Che dentro al venire suo s’ingeneroe,
     Per la qual cosa a sè ponendo cura,
     Mensola forte si maraviglioe,
     Vedendosi ingrossare il corpo e’ fianchi,
     E di gravezza pieni e fatti stanchi.