Pagina:Boccaccio - Ninfale fiesolano di Giovanni Boccaccio ridotto a vera lezione, 1834.djvu/258

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
88 a niccola acciaiuoli

nelle tenebre de’ miei affanni mi sono rallegrato, che facessono nel limbo i santi padri, udita da san Giovanni la venuta di Cristo, per cui la lungamente aspettata salute in breve speravano senza fallo. Laonde io non credo prima vedervi, se dato non m’è ch’io debbia tanto viverci ch’io vi vegga. Allora più che altro lieto in me potrò le parole d’Isaia rivolgere, quando disse al popolo che per l’ombra della morte andava: è nata la luce. E perciò io con quello effetto che per me si puote esprimere più fervente, con voce piena di letizia vi dico, che voi siate il ben tornato. La sanità del corpo, colla quale credo che quella della mente congiunta sia, ho con lieto animo intesa, e oltre a ciò la seconda fortuna alla vostra virtù debita m’è manifesta: la quale, se lo immaginare non m’inganna, piccioli segni d’amore ancora vi mostra, a rispetto che ella farà per innanzi. Ed essa, prego Iddio, che così con voi come con Quinto Metello felicissimo Romano fece s’eterni. Oh quanto m’è la vostra benavventurata tornata cara! non per me tanto, quanto perciocch’io allora vedrò le inique e adulatrici lingue, delle quali vi ricordo e prego che vi guardiate, confuse tacere. Ora gli animi invidiosi in fuoco pestilenziosissimo consumarsi, ed i superbi nella vostra presenza bassare i colli; li quali con opinioni perverse, con operazioni malvage, e con sottrattose parole, a’ vostri beni e a voi si sono ingegnati d’opporre. Oh giusto di colui il giudicio, che dei cieli in terra ogni cosa discerne, il quale con laudevole esaltamento di voi li loro intendimenti ha annullati! il che m’è caro.